Home

Curriculum Vitae

Cos'è

Cosa serve

Video

Contatti

 

 

 menù

Spalla ‘Congelata’

 

 

Sotto questo termine si può ricondurre una grande quantità di problemi della spalla ognuno dei quali andrebbe trattato in modo specifico.

Si tratta pertanto di un termine piuttosto antiquato che dovrebbe essere abbandonato

Fra le varie cause di "Spalla congelata" ne elenchiamo alcune:


Artrite traumatica
. Il paziente è oltre i 45 anni ( mai al di sotto dei 40 tranne dopo una frattura).
. L’anamnesi è tipica :
 Un trauma, un po’ di dolore che scompare rapidamente e poi, dopo 3-4 giorni, ritorna ed aumenta di giorno in giorno. Questo è l’inizio di un’artrite traumatica. Noi abbiamo ora a disposizione due settimane per stirare la capsula, se ritardiamo troppo l’artrite raggiunge lo Stadio II.
. Evoluzione spontanea (9-12 mesi)
1. Durante i primi 3-4 mesi il dolore e la limitazione peggiorano; il dolore è costante, anche di notte.
2. Il dolore gradualmente diminuisce(3-4 mesi).
3. L’ampiezza del movimento gradualmente aumenta(3-4 mesi).

Alla fine di questa evoluzione, l’escursione articolare ritorna normale, anche senza trattamento.
. Terapia :
Non c’è nessun motivo per cui il paziente debba sottostare a tale evoluzione; in ogni fase c’è una terapia rapida ed efficace. Stadio I: stiramenti della capsula Stadio III: iniezione i.a. triamcinolone (4-5x)
(alternativa: tecnica di decoattazione)
Stadio III: 4-5 iniezioni intra-articolari. È fondamentale che la iniezione successiva venga fatta prima della ricomparsa del dolore, un intervallo di 7 gg tra la prima e la seconda iniezione, ( l’effetto della prima dura circa 10 g), 10g gg tra la seconda e la terza, 14 giorni tra la terza e la quarta, 21 giorni tra la quarta e la quinta.
Quale risultato ci dobbiamo aspettare? Il dolore rapidamente regredisce fin dalla prima iniezione (il pz riesce di nuovo a dormire), l’ampiezza articolare migliora di solito dopo la terza.
Alternativa fisioterapica: tecnica di decoattazione.
Si tratta di una tecnica di inibizione del dolore.

 

 

 

Borsite sottodeltoidea acuta
Si tratta di una urgenza medica, il dolore è estremamente intenso!
Anamnesi ed esame clinico molto tipici. L’insorgenza è spontanea. Questa patologia si presenta ad ogni età dall’adolescenza in poi , diventa più rara solo dopo i 65 anni.
L’intera borsa (parte sottodeltoidea e sottoacromiale) è infiammata. Il paziente ha un dolore molto acuto nel dermatoma C5. La guarigione spontanea richiede circa 6 settimane; il dolore è molto acuto nei primi 7-10 giorni.
. Anamnesi tipica: un’evoluzione in tre giorni. Inizio spontaneo con lieve dolore al braccio, molto peggio il giorno dopo con difficoltà a muovere il braccio; il terzo giorno, il paziente può alzare il braccio con difficoltà (forse solo 30°) a causa del forte dolore.
. Esame: Il paziente non riesce a sollevare il braccio verso l'esterno.
. Terapia:
- Se si vede il paziente nella prima settimana, un’iniezione di un forte analgesico seguita da due infiltrazioni di triamcinolone nell’intera borsa ( parte sottodeltoidea e sottoacromiale).
Dal secondo giorno, il paziente è migliorato dell’80% ; se necessario, un’altra piccola infiltrazione un paio di giorni dopo.
 

In altre patologie può essere utile la neuroproloterapia ma generalmente si tratta di patologie meno urgenti e meno dolorose:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

Dr. Giuseppe Ridulfo - Comunicazione all'Ordine dei Medici di Verona n.prot. 1729 del 07.10.2002