• Black Facebook Icon

Medicina Ortopedica

Aggiornato il: mar 25



Il termine Medicina Ortopedica è stato introdotto circa cinquant'anni fa da J. Cyriax per descrivere le tecniche diagnostiche e terapeutiche da lui applicate nella gestione delle malattie comunemente comunemente chiamate con un gran numero di nomi diversi come artrite, artrosi, reumatismi, reumatismi muscolari, entesite, mal di schiena, lombalgia, distorsioni, spalla congelata, stiramento, dolore, fibromialgia, nelle lesioni che si trovano comunemente nella medicina dello sport e che ha riunito sotto la definizione di malattia o disturbo dei tessuti molli. Questi disturbi sono molto comuni, ma spesso il loro trattamento è piuttosto trascurato e relegato alla periferia di altre specializzazioni (come Ortopedia, Reumatologia, Fisioterapia, Neurologia).

In realtà, questa vasta gamma di disturbi dolorosi include una moltitudine di malattie distinte e distinguibili che, se diagnosticate correttamente, consentono la formulazione di una cura rapida ed efficace, mentre se lasciate a se stesse, continuano per settimane, mesi o anni. Le lesioni dei tessuti molli sono in realtà una fonte comune di dolore che può essere evitata. Sfortunatamente, solo una piccola parte dei pazienti con queste condizioni riceve un trattamento adeguato poiché possiamo osservare che in linea di principio i pazienti sono divisi in due categorie: quelli che hanno lesioni radiograficamente significative e quelli che non hanno lesioni radiografiche. I primi, se presentano una lesione ossea rilevante come una frattura o una lussazione, ricevono un trattamento adeguato; questi ultimi, invece, vengono generalmente inviati al servizio di Fisioterapia dove ricevono varie specie di terapie "calde" o "fredde", massaggi, ginnastica o altro a seconda dell'uso locale.

Ovviamente è possibile notare alcuni risultati con l'effetto rilassante, con l'azione riflessa e anche per la naturale tendenza dell'organismo a guarire; ma spesso i pazienti diventano cronici e imparano ad accettare il loro disturbo come parte integrante della loro vita. È molto comune, ad esempio, che il paziente venga inviato in fisioterapia con una diagnosi generica di periartrite scapulo-omerale che certamente non consentirà di somministrare la terapia più corretta in quanto ognuna delle lesioni multiple che possono colpire la spalla merita un trattamento specifico; non è possibile pensare che una varietà di patologie molto diverse come una tendinite del m. sopraspinato o infraspinato, borsite subdeltoidea, o l'artrite post-traumatica possano ugualmente beneficiare dello stesso trattamento, ad es. di ultrasuoni.

Per essere efficace, il trattamento deve essere una risposta appropriata a una manifestazione patologica ben identificata; un trattamento generico non può essere efficace, in altre specializzazioni questo è un fatto acquisito da anni, infatti, nessun medico si sognerebbe di dare antibiotici a un paziente febbrile senza aver fatto un'ipotesi diagnostica, o nessun ortopedico farebbe un gesso a un paziente fratturato senza aver fatto una diagnosi corretta.

È certamente vero che negli ultimi 30 anni sono nati e sviluppati un'enorme quantità di ausili diagnostici anche molto sofisticati come TC, artroscopia, artroscopia, ultrasuoni, vari tipi di esami di emocomponibilità, sistemi diagnostici computerizzati, database e così via. Queste innovazioni tecnologiche sono molto utili nei casi appropriati, ma nella diagnosi delle lesioni dei tessuti molli al momento queste tecniche non sostituiscono la visita medica che è ancora il modo migliore per ottenere informazioni sull'esistenza di una tendinite, una borsite, un'adrenza legamentosa post-traumatica ecc. Il miglior strumento diagnostico che abbiamo è ancora un esame accurato, una diagnosi tempestiva e una scrupolosa e adeguata terapia. Secondo Cyriax, è necessario cercare di identificare con precisione la struttura sofferente e quale sia il punto da trattare all'interno di questa struttura. Ciò presuppone una buona conoscenza dell'anatomia e della fisiologia degli organi di movimento e dell'escursione fisiologica articolare di tutte le articolazioni; con opportune manovre standardizzate tutti gli elementi delle strutture interessate vengono valutati metodicamente e questo è esattamente ciò che viene insegnato nei corsi di medicina ortopedica tenuti dal Dr. Ridulfo.

2 visualizzazioni

Rispetto delle linee guida

Il sito rispetta le linee guida nazionali in materia di pubblicità sanitaria, secondo gli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica.

Le informazioni contenute in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo, non promozionale e non sostitutive di una visita medica.

Dott. Giuseppe Ridulfo

Comun. Ordine dei Medici di VR

Prot. 1729 del 07.10.2002

P.IVA 01386850232

C.F RDLGPP50H22F257E